top of page

Le Appese

Primo studio

17 - 18 Maggio | ore 20:30

Da un'idea di Francesca Gemma e Elena Scalet

Scritto e diretto da Alice Redini

Con Francesca Gemma e Elena Scalet

Musiche Gipo Gurrado

Foto Michela Piccinini

L'idea de "Le appese" nasce dalla lettura del racconto di un suicidio non riuscito, narrato in prima persona da Fuani Marino nel suo romanzo "Svegliami a mezzanotte" edito da Einaudi nel 2019.


Da lì la prima spinta a chiederci: qual è la forza che ti fa fare quella cosa lì, quella cosa che fa ancora paura nominare?

"Le Appese" è un salto nel buio, metaforicamente un vero salto nel buio. Nel buio dei nostri pensieri, nel buio delle anime di chi quei pensieri li ha fatti prima di noi. Nel buio, perché ancora non sappiamo dove atterreremo. Saltare, nella speranza di fare luce in mezzo a tutto quel buio.

La comunità è un condominio mezzo disabitato da persone che quel salto l’hanno fatto non solo metaforicamente. Storie di persone famose, biografie di sconosciuti. Persone che hanno avuto in comune l’attrazione per il vuoto e che hanno seguito la tentazione di sparire.

Sul balcone di questo condominio, quasi fosse un proseguimento del loro privato, si incontrano "Le Appese": due vicine di casa che si affacciano alla propria vita come ci si affaccia a un un balcone pieno di panni stesi e si guarda giù la molletta che cade. 

In questo luogo di confine le incontra anche il pubblico, mentre le due donne stanno in bilico sui fili tesi, con le loro vestaglie che oscillano, sulla soglia dell'esistenza.

«Lasciatemi così. Ho fatto tutto il giro e ho capito. Il mondo si legge all'incontrario. Tutto è chiaro». ( Italo Calvino, da Il Castello dei Destini Incrociati. La storia dell'Orlando pazzo per amore - La carta dell'Appeso)

Potrebbero Interessarti

bottom of page